Alessandra De Leonardis

Alessandra

A volte è difficile descrivere alcune persone. Spesso succede con quelle più speciali, poliedriche, vulcaniche. Ecco, questa è la premessa che ci permette di presentare Alessandra De Leonardis, un tentativo che non può essere raggiunto, non certo in poche parole. Ci possiamo provare, ma sappiamo che non riusciremo ad arrivare ad un risultato completo.

Potremmo farla facile, e dire che Alessandra è la co-fondatrice di Back2You, che la sua mente creativa proviene da una eccezionale esperienza come stilista del marchio Fuerteventura che ha letteralmente rivoluzionato il mondo dell’abbigliamento del fitness negli anni ’90, inventando le idee che poi sono diventate lo standard de facto di un modo di vivere, ben più che di un modo di vestire. La sua curiosità e la sua passione per l’innovazione l’hanno portata a ricercare, sperimentare ogni possibile tessuto, la sua sensibilità per il benessere e la sua avversione per le costrizioni l’hanno portata a disegnare con mano sicura curve, cuciture e dettagli che volevano andare ben oltre la moda, e a fare del piacere dell’atto di indossare un capo una missione senza tempo.

Eppure, conoscendola, sappiamo che questo non è che un lato, una sfaccettatura della sua personalità. Alessandra è una bambina in un negozio di caramelle, dove non solo rappresenta la bambina che ne rimane affascinata e divertita, ma è anche chi ha creato il negozio, chi ha filato lo zucchero e deciso come disegnare ogni lecca lecca, e – ancora più importante – quella che si preoccupa di fare caramelle naturali, senza zucchero perché lo zucchero fa male. Una moderna fatina dei boschi che però non usa la bacchetta magica, ma moderne tecnologie e che, specialmente, non assomiglia per niente ad una fatina dei boschi… tutt’altro (immaginiamo che possa addirittura arrabbiarsi di questa descrizione e similitudine). Già, perché forse dobbiamo pensare a lei più come ad una astronauta, ad una ricercatrice di mondi nuovi, ad una rivoluzionaria guerriera… ma come si fa, ancora una volta, a inscatolarla in una sola area e in un solo ruolo?

Alessandra aveva un blog che parlava di cucina (l’abbiamo convinta a riprenderlo in mano, c’erano tante belle cose raccontate in questo blog, e ovviamente non era un “semplice blog di cucina”), ha lavorato per anni nell’ambito dei negozi perché amava parlare con le persone, e ancor di più le persone amano parlare con lei. Non disegna solo abiti, disegna un suo modo di intendere il benessere e la vita su questo pianeta, e prova a viverla così sulla sua pelle. E’ contagiosa, questo di sicuro: trasmette questa passione, desiderio di andare oltre e al tempo stesso di trovare il benessere dentro di sé.

Lo sappiamo, non ci siamo riusciti, ma era evidente sin dall’inizio che la missione era troppo complessa. Un modo per “scoprirla” e viverla, però, è notare i dettagli (sono tanti) di Back2You, se guardate con attenzione vi accorgerete che in ogni dettaglio c’è la sua mano, il suo sogno, la sua voglia di contribuire ad un mondo migliore.